I 5 tipi di genitori che gli insegnanti odiano segretamente

genitori bambini insegnanti

Oggi si parla molto spesso del fatto che il nostro sistema educativo è obsoleto, gli insegnanti non sono particolarmente competenti e privi di motivazione e i bambini sono danneggiati in termini di opportunità di ricevere un'istruzione di qualità. Ma hai mai pensato a quanto sia difficile essere un insegnante oggi? E come a volte anche i genitori stessi non sono perfetti - nel loro comportamento, nelle loro richieste, nella loro comunicazione con gli insegnanti? E forse la verità è da qualche parte nel mezzo. Tuttavia, è bene essere consapevoli degli errori che commettono madri e padri prima di iniziare a criticare gli insegnanti stessi.
Ecco i cinque tipi di genitori che gli insegnanti odiano segretamente - ovviamente, descritti con un leggero sorriso e il desiderio che tu non sia uno di loro:
  1. Il genitore "Mio figlio è speciale".

"Mio figlio non è come gli altri, è molto più intelligente e ricettivo", "Non fare commenti su mio figlio, è molto sensibile", battute del genere non sono estranee a molti insegnanti, soprattutto alle elementari. Se il bambino ha ricevuto un voto basso, questo tipo di genitore andrà dall'insegnante per una spiegazione con il motivo "Come è possibile avere un voto basso, lui sa tutto".

  1. Il genitore "Ci saranno schiaffi".

"Pesho ha un paio in matematica? Non si preoccupi, signora, stasera ci saranno gli schiaffi e imparerà tutto". Bene, potrebbe sembrare un po' estremo, ma i genitori con un comportamento bastardo degli anni '90 non sono sicuramente così rari. Questo tipo di genitori (nella maggior parte dei casi - papà) sono pronti a dimostrare che la loro massa muscolare parlerà da sola e il bambino si "aggiusterà" rapidamente. E se non viene corretto, la massima aggressività dovrebbe essere diretta alla stessa insegnante, soprattutto se si è permessa di criticare questo tipo di approccio genitoriale.

  1. Il genitore "Voglio sapere tutto".

Sì, non c'è niente di sbagliato nel fatto che la madre di Ivancho sia interessata a come si è comportato a lezione di matematica, se va d'accordo con i suoi compagni di classe e cosa ha mangiato a pranzo sulla sedia. Ma quando questa mamma decide che forse è meglio sbirciare fuori dalla finestra della classe invece di andare al lavoro, le cose sono già sfuggite di mano. Questo tipo di genitore è così ossessionato dal tenere "d'occhio" il bambino (così come la classe, il preside e l'addetto alle pulizie) che sicuramente non è tra i preferiti degli insegnanti.

  1. L'eterno genitore drammatico

Questo tipo di genitore continua a infastidire gli insegnanti con i loro problemi - come il bambino non è andato bene al test la scorsa settimana perché ha avuto un po' di raffreddore o perché non ha fatto colazione a sufficienza. E l'insegnante, che gli piaccia o no, è già a conoscenza dei problemi finanziari della famiglia, dei problemi di salute della mamma e dei drammi personali di molti altri parenti sulla linea d'argento.

  1. Il genitore "non mi interessa".

Ebbene, ci sono genitori all'altro estremo che non devono essere sottovalutati. Non importa quanto gli insegnanti cerchino di indirizzare l'attenzione di mamma o papà sui problemi del bambino, a loro sembra non importare affatto e hanno lasciato il loro bambino "alla mercé del destino". Comportamento inaccettabile, litigi in cortile, voti scarsi, mancanza di concentrazione: tutto ciò non suscita interesse per questo tipo di genitore e l'insegnante non ha il potere di cambiare nulla.

Sì, forse tutto ciò che viene descritto suona in qualche modo estremo. Ma è sicuramente un buon motivo di riflessione, perché alla fine i nostri figli trascorrono gran parte del loro tempo a scuola e comunicano con gli insegnanti, quelli che meglio si attraggono dalla nostra parte e con i quali abbiamo una comunicazione normale e fruttuosa . Le conclusioni sono per te.

Rivista RODITEL, Roditel.bg

Guarda di più:

I sei tipi di "bambini difficili": come riconoscerli

I 10 tipi di madri nel parco giochi

Una lettera di un insegnante sull'approccio ai bambini "difficili".

Come un insegnante ha insegnato ai bambini a perdonare

 

 

 

TROVACI SU FACEBOOK:

I commenti sono disattivati.