Aggressività nei bambini piccoli: come reagire?

aggressività, bambino, Parent.bg

Ti preoccupi quando il tuo bambino di due anni tira i capelli a un altro bambino o il tuo bambino di 4 anni gioca con una pistola giocattolo? Alcuni genitori credono che questi atti aggressivi dovrebbero essere soppressi all'inizio. Inutile dire che il nostro mondo civile non esisterebbe se le persone non imparassero a controllare i propri sentimenti aggressivi. Ma i genitori non devono preoccuparsene. Il bambino normale impara gradualmente a controllarsi parallelamente al progresso del proprio sviluppo e all'affinamento della propria natura e alla disponibilità di buoni rapporti con i genitori.

Basti pensare a come cambia l'aggressività dei bambini a diverse età. Quando ha fame, il piccolo bambino è arrabbiato con il mondo intero. Quando si arrabbia, il bambino di un anno a volte schiaffeggia sua madre se se ne va. All'età di 2 anni, se è stato trattato con cura ma con fermezza, il bambino è già in grado di contenere parzialmente la sua irritazione, ma sfoga la sua rabbia, battendo i piedi.Quando qualcuno afferra il giocattolo di un bambino di due anni, lo colpisce in testa con la spatola senza pensarci. Il bambino di 4 anni è molto più educato. Almeno per un po' litigherà con colui che gli ha portato via il giocattolo.

Nel frattempo il bambino impara ad esprimere i suoi sentimenti aggressivi sotto forma di gioco. All'inizio è molto semplice. Punta la sua "pistola" e dice "Boom! Sei stato ucciso." Intrattiene il pensiero di uccidere. Non dovresti rimproverarlo o fargli una predica. Sa già che è impensabile causare un vero dolore ai propri cari, ma che può farlo per scherzo. (Questo spiega in parte perché i bambini amano le storie sulla violenza.) Si potrebbe anche dire che, di conseguenza, il bambino che entra i giochi presumibilmente può causare dolore e uccidere, sì più amichevole dal bambino che stratifica i suoi nemici sentimenti in se stesso senza manifestarli.

In altre parole, quando il bambino di 2 anni ne colpisce un altro in testa o il bambino di 4 anni gioca a sparatutto o il bambino di 9 anni legge con interesse romanzi di guerra, mostra solo che il bambino sta attraversando le fasi necessarie di frenare gli istinti aggressivi, che lo renderanno un degno cittadino.

Non intendo dire che dovresti lasciare che il bambino sia crudele con gli altri o ignorare il bambino più grande se la violenza lo preoccupa molto più degli altri ragazzi della sua età. L'eccessiva aggressività deve essere frenata e se non può essere facilmente controllata, se ne devono ricercare le cause.

Ad esempio, se uno infante nei suoi vari movimenti, ancora sconsiderati, ha colpito accidentalmente la madre in faccia, questo non significa ancora una manifestazione aggressiva. Eppure, anche a questa età, una madre ragionevole può rimuovere con cautela la mano del bambino e mostrarglielo "non può". In futuro, la madre dovrebbe evitare di creare una situazione del genere, soprattutto se un tale colpo in faccia coincide con sentimenti di insoddisfazione e irritazione nel bambino.

Se i bambini in tenera età, quando giocano insieme, iniziano a schiaffeggiarsi in modo molto innocente, la madre molto con attenzione deve trovare un modo adatto per farli trasformare l'applauso in carezze e carezze. In altre parole, devono essere instillati nei bambini fin dalla tenera età forme sociali positive di comunicazione. In questo modo, il bambino non avrà motivo di aggressività nei confronti di altri bambini e adulti. Questo, ovviamente, non significa che i bambini non debbano sviluppare l'abilità dell'autodifesa, che non ha nulla a che fare con l'istinto di aggressività.

 

Estratto da Baby and Child Care del Dr. Benjamin Spock, del Dr. Robert Needleman

TROVACI SU FACEBOOK:

I commenti sono disattivati.