Pannolini al posto dei soldi per le giovani madri

aiutare le madri

Minori e madri minori riceverà assegni familiari dallo stato solo in natura - sotto forma di pannolini e cibo, invece di contanti, consegnato a Monitor. Questo emendamento alla legge sugli assegni familiari per i figli è passato ieri in prima lettura in parlamento. Fa parte di un pacchetto completo di misure per promuovere una genitorialità responsabile e frenare l'abuso dei benefici, proposto dal Vice Primo Ministro e Ministro degli Affari Sociali Ivaylo Kalfin ed entrerà in vigore nel 2016.

Le modifiche adottate ieri prevedono anche ee sono sospese le indennità attualmente percepite dai genitori della madre minorenne. Così i nonni di molte famiglie rom non si prenderanno più cura dei figli della figlia, che sta allevando anche il suo erede e riceve denaro per questo dallo stato.

Si precisa inoltre espressamente che saranno erogati fondi, solo se il bambino è vaccinato e frequenta la scuola normale. Se il bambino non frequenta le lezioni per tre mesi consecutivi, il denaro verrà sospeso. È previsto anche un meccanismo per la restituzione dei benefici percepiti illegalmente, se il figlio viene abbandonato o se i fondi vengono raccolti in violazione della legge. Cosa prenderemo da questi genitori, dal momento che sono interamente supportati dalle prestazioni sociali, ha chiesto Georgi Gyokov del BSP.

Con le correzioni inoltre inasprisce il regime per ricevere un aiuto una tantum dalle madri studentesse, poiché sarà tradotto in due tranches: metà dei soldi sarà data alla nascita e il resto all'iscrizione a un nuovo semestre.

Per stimolare il modello dei tre bambini, è regolamentatol'indennità forfettaria per la nascita del primo, secondo e terzo figlio dovrebbe essere superiore a quella del quarto e degli eredi successivi. Tuttavia, gli importi specifici saranno determinati nel bilancio dello Stato per ogni anno. Tra le due letture del disegno di legge, Ilia Iliev del gruppo DPS ha annunciato che avrebbe introdotto un testo per alzare la soglia di età per i figli che percepiscono i benefici soggetti al criterio del reddito. Attualmente, la condizione è fino al completamento dell'istruzione secondaria, ma non oltre i 20 anni, e la sua idea è fino all'età di 25 anni. Questo sarà un incentivo per i giovani a completare la loro istruzione secondaria, ragionò.

TROVACI SU FACEBOOK:

I commenti sono disattivati.